Pages

martedì 10 settembre 2013

Fiaba del Punjab: Il principe serpente.

Settembre è arrivato, e con esso, una nuova, bellissima fiaba. Questa volta dall'India.


Incipit..

C'era una volta, in una città, un'anziana terribilmente povera. Un giorno vide che in casa le era rimasta solo una manciata di farina, e purtroppo non aveva soldi per coprarne ancora, né speranza di guardagno; allora prese con sé una stoviglia d'ottone e s'avviò tristemente verso il fiume per prendere almeno un po' d'acqua da bere e per lavarsi, pensando che al ritorno a casa avrebbe cercato di mettere insieme una torta azima con quella poca farina rimastale, ben sapendo che dopo ciò non avrebbe avuto più nulla per sostentarsi. Prima di immergersi, depose il recipiente sull'argine del fiume, e per non farlo sporcare, lo coprì con un panno. Ma quando uscì fuori dall'acqua e tolse la stoffa per riempirlo, vide brillare la pelle di un serpente velenoso. Allora, lì per lì, rimise il panno al suo posto; richiuse il recipiente e lo lasciò stare, e intanto disse a se stessa: "Ecco, è la fine per me! La prossima volta che toglierò il coperchio, tu salterai fuori e mi morderai e io morirò. Almeno, le mie pene saranno finite." E fu con questi tristi pensieri che la povera vecchia se ne tornò a casa, tenendo cautamente tra le mani il contenitore. Quando fu in casa, chiuse bene tutte le porte e le finestre, e con il batticuore, rovesciò il barattolo, e quale fu la sua sorpresa quando vide, al posto del serpente, una magnifica collana scintillante!

Continua a leggere..

Nessun commento:

Posta un commento